mercoledì 8 ottobre 2014

Recensione: "D'armi e d'amore" di Deborah Simmons

Titolo: D'armi e d'amore
Autore: Deborah Simmons
Edizione: Harlequin Mondadori
Collana: Special Saga
Data di uscita: 17/09/2013 (shop)
                        09/10/2013 (edicola)
Pagine: 683
Prezzo: 10,90€
Formato: Cartaceo (brossura)

Trama: Inghilterra, XIII secolo - Figli del Conte di Campion, i nobili fratelli de Burgh sono ognuno alla ricerca della propria strada e della donna giusta da amare. Stephen, il più bello e viziato dei sette, è costretto a scortare fino in Galles la giovane Brighid, ma quello che all'inizio gli sembra solo uno sgradevole incarico si rivela in realtà un'avventura appassionante. Robin, deciso a non cadere vittima del sortilegio che ha fatto innamorare i fratelli, si rifugia in un convento e si perde negli splendidi occhi di una dolce novizia. Reynold, infine, convinto che la gamba malata non gli permetta di avere la fortuna dei fratelli in fatto di donne, parte dal castello di famiglia senza una meta precisa. Non immagina che quel viaggio si rivelerà una impresa leggendaria, alla fine della quale anche lui troverà l'anima gemella.
LA STREGA E IL CAVALIERE
LA NOVIZIA E IL CAVALIERE
REYNOLD DE BURGH: IL CAVALIERE NERO

RECENSIONE: (SPOILER)

LA STREGA E IL CAVALIERE: VOTO 3/5
Me l'ero immaginata diverso.
Brighid mi è piaciuta perchè voleva scoprire cosa era accaduto a suo padre e anche perchè una volta scoperto il suo destino con Stephen non si è arresa finchè non l'ha ottenuto. Mi è piaciuta poco quando giudicava Stephen senza conoscerlo.
Stephen mi è piaciuto perchè ha trovato la forza di uscire dal girone del vino e di andare avanti senza. Mi spiace per il senso di inferiorità che provava nei confronti dei fratelli e del padre.
La componente magica della storia non mi è piaciuta molto, non ce la vedo bene.
In conclusione è bello ma poteva essere molto meglio.


LA NOVIZIA E IL CAVALIERE: VOTO 5/5
Sono morta dal ridere leggendolo.
Sybil mi è piaciuta perchè non era troppo testarda e per aver avuto fiducia in Robin.
Robin mi è piaciuto da matti perchè con la sua storia del maleficio mi ha fatto morire dal ridere ma anche perchè alla fine ha capito di amare Sybil.
Ho odiato un attimino le zie di Brighid quando hanno rotto le uova nel paniere rivelando la storia della maledizione di Robin a Sybil.
Molto intrigante la componente giallistica della storia che mi ha ricordato un po' fratello Cadfael.
In conclusione mi è piaciuto tantissimo, molto divertente ma anche romantico.


REYNOLD DE BURGH: IL CAVALIERE NERO: VOTO 4/5
Aspettavo con ansia la storia di Reynold e mi è piaciuta.
Reynold mi è piaciuto perchè non si è mai fatto fermare dalla sua menomazione anche se credeva erroneamente che i fratelli ignorassero la cosa. Non mi è piaciuto tanto il suo piangersi addosso per essere zoppo e non poter trovare l'amore.
Sabine mi è piaciuta perchè non si è mai arresa ad abbondonare le sue terre. Unica cosa che non ho capito è questa storia della sua pazzia.
Mi è piaciuta questa cosa del drago anche se si capiva fin da subito che non esisteva nessun drago e che dietro a tutto ci fosse un uomo, che Urban fosse un traditore era chiarissimo.
Ho trovato interessante la caccia al tesoro.
In conclusione lo aspettavo con trepidazione e non mi ha deluso.


VOTO FINALE
4/5
 
 
Saga De Burgh:
1- Il lupo del Wessex
2- La gorgone e il cavaliere
3- Briganti e cavaliere
4- La strega e il cavaliere
5- La novizia e il cavaliere
6- Reynold De Burgh: Il cavaliere nero
7- L'ultimo cavaliere


Nessun commento:

Posta un commento