domenica 7 dicembre 2014

Recensione: "La cacciatrice di lieto fine" di Francesca Cani

Titolo: La cacciatrice di lieto fine
Aurore: Francesca Cani
Edizione: Rizzoli
Collana: You feel
Data di uscita: 03/12/2014
Pagine: 95
Prezzo: 2,49€
Formato: E-Book

Trama: Chignon spettinato, occhiali spessi e un libro sempre davanti al naso, Alba conosce pochissimo il mondo reale. Bibliotecaria veronese, lettrice da competizione e romantica disillusa, agli uomini in carne e ossa preferisce eroi come Jamie Fraser o Mr. Darcy. Quando una vacanza forzata e la prospettiva raccapricciante di passare le feste fra la madre iperprotettiva e il padre assente la mettono in fuga, Alba non sa dove rifugiarsi. Un volo last minute la fa atterrare in Irlanda. Lì nessuno la disturberà, tranne il destino, che il giorno di Natale la porta sul sentiero che sta percorrendo Bram O’Ryan, medico, surfista e testa calda dalla chioma rosso fuoco. Con lui partirà per un itinerario alla ricerca di esseri leggendari e sfide (im)possibili. Un nuovo amore può guarire dalle ferite del passato? Ci vuole un’abile cacciatrice per catturare il lieto fine perfetto. Un romanzo intenso che vi coinvolgerà, una storia d’amore in cui il lieto fine non è assicurato, ma va inseguito fino all’ultima pagina.

RECENSIONE: (SPOILER)
Anche io, come la protagonista sono una cacciatrice compulsiva di lieto fine.
Alba mi è piaciuta perchè p riuscita a superare i suoi timori così da poter avere una relazione con Bram. Mi spiace per il suo rapporto con i genitori.
Bram mi è piaciuto perchè non si è arreso con Alba però non mi è piaciuto che non le abbia detto dell'operazione al cuore che doveva fare.
Ho adorato l'ambientazione in Irlanda e la ricerca dei folletti e giganti ma anche tutti i richiami ai romanzi rosa.
In conclusione mi è piaciuto tantissimo molto più di quanto mi aspettassi.


VOTO
5/5

Nessun commento:

Posta un commento