lunedì 2 febbraio 2015

Recensione: "Giocatori d'azzardo" di Amy Lane

Titolo: Giocatori d'azzardo
Autore: Amy Lane
Edizione: Dreamspinner Press
Data di uscita: 19/08/2014
Pagine: 212
Prezzo: 6,99$
Formato: E-Book

Trama: Quent Jackson ha seguito ogni mossa di Jason Spade negli affari e nel poker fin da quando si sono conosciuti il primo giorno di college. Otto anni dopo, quando Jace decide che Quent è l’unico uomo di cui non può fare a meno, non vede come questo debba cambiare.
Ma se Jace crede che il poker sia la vita, nessuno ha dato a Quent gli stessi insegnamenti. Dopo la loro prima notte di passione, inizia il vero gioco dell’amore e della fiducia, ma Jace ha giocato da solo troppo a lungo per poter insegnare le regole facilmente. Jace parla solo due lingue: una è quella del sesso, l’altra quella del poker. Fra le due, deve trovare il modo di convincersi a dare una possibilità all’amore, e convincere Quent a dare una possibilità a lui. È un bene che entrambi sappiano correre il rischio, perché stanno giocando seriamente, e l’alta posta in gioco è la loro relazione, che senza dubbio vale l’azzardo.

RECENSIONE: (SPOILER)
Senza infamia ne senza lodi. Mi aspettavo qualcosa di meglio, non ci sono gran colpi di scena.
Quent (Quentin) mi è piaciuto perchè non si è mai tirato indietro con Jace. Mi spiace che i suoi genitori lo abbiano ripudiato perchè gay.
Jace mi è piaciuto perchè è riuscito a capire come comportarsi per stare con Quent e per aver trovato il coraggio di confessarsi.
Ho trovato ste metafore del poker un po' noiose dopo un po' anche perchè non sapendoci giocare non ci capivo niente.
In conclusione non è male ma neanche un capolavoro, si lascia leggere.


VOTO
3/5

Nessun commento:

Posta un commento