martedì 12 maggio 2015

Recensione: "L'amante libertino" di Vicky Dreiling

Titolo: L'amante del libertino
Autore: Vicky Dreiling
Edizione: Harlequin Mondadori
Data di uscita: 18/03/2015 in edicola
                        17/02/2015 sullo shop
Pagine: 317
Prezzo: 6,90€
Formato: Cartaceo (brossura)

Trama: Inghilterra, 1819 - Andrew Carrington, Conte di Bellingham, sta cercando una nuova amante, impresa non facile visto che lui è piuttosto esigente in proposito, e quella sera al ricevimento di Lady Atherton sembra che siano presenti solo sciocche debuttanti in cerca di un buon partito o gentildonne felicemente sposate, che non fanno al caso suo. Annoiato, sta per andarsene quando rimane abbagliato dalla provocante sensualità di una dama bionda che risveglia all'istante il suo istinto di conquistatore. È Laura Davenport, una giovane vedova virtuosa e dai modi irreprensibili che non esita a voltargli le spalle, indignata e imbarazzata da tanta spudorata arroganza. Una reazione che per Andrew è solo un ulteriore stimolo: quando mai, infatti, ha perso l'occasione di convincere una donna a rinnegare i propri principi morali?

RECENSIONE: (SPOILER)
Ho preso questo libro perchè avevo letto un altra serie di questa autrice che mi era piaciuto però dopo averlo letto sono rimasta un po' interdetta perchè non l'ho trovato molto appassionante anche se non è brutto.
Laura mi è piaciuta perchè teneva al figliastro e non voleva lasciarlo allo zio menefreghista. Mi sarebbe piaciuto che fosse stata un po' più decisa con Bell.
Bell (o Andrew) mi è piaciuto perchè voleva aiutare Justin e Laura. Mi spiace per ciò che ha passato quando sono morti i suoi genitori.
Non mi è piaciuto molto il finale che ho trovato affrettato perchè scoperto che Laura è incinta Bell decide che si devono sposare anche se non è contento e parte subito per la licenza e si salta a quando torna che è felice di sposarsi, dilungarsi un po' sull'epifania di Bell sarebbe stato meglio.
In conclusione è carino ma proverò a continuare la serie.


VOTO
3/5

Nessun commento:

Posta un commento