giovedì 27 agosto 2015

Recensione: "Volare fino alle stelle" di Susan Elizabeth Phillips

Titolo: Volare fino alle stelle
Autore: Susan Elizabeth Phillips
Edizione: Leggereditore
Data di uscita: 20/08/2015
Pagine: 400
Prezzo: 14,90€
Formato: Cartaceo (brossura)

Trama: “Come sono finita in questo guaio?” questa la domanda che gira in testa a Daisy Devreaux, dolce e volubile ragazza che si trova a un bivio: finire in prigione o sposare il misterioso uomo che suo padre ha scelto per lei... E dire che, al giorno d’oggi, i matrimoni combinati non esistono più! Daisy non sa spiegarsi come tutto questo sia potuto capitare proprio a lei, e se aggiungiamo il fatto che Alex Markov non ha alcuna intenzione di perdere tempo impersonando il ruolo dello sposo perfetto, il guaio si fa ancora più grande. Ma non è finita, manca ancora un piccolo particolare: Alex fa parte di un circo itinerante, e trascina Daisy a lavorare con lui. Presto, però, Daisy si accorge che la sua vita si sta trasformando in una vera e propria avventura, e la conduce a provare emozioni da troppo tempo sopite... E poi deve riconoscere che Alex è dotato di un fascino senza pari...In poco tempo i due impareranno a conoscersi e ad amarsi e la passione li spingerà a volare, fino alle stelle e senza una rete di protezione, rischiando il tutto per tutto per un amore inaspettato.

RECENSIONE: (SPOILER)
Dire che l'ho adorato è poco.
Daisy mi è piaciuta perchè non è viziata e nel circo si è rimboccata le maniche occupandosi degli animali. Mi spiace per la poca considerazione che il padre ha per lei.
Alex è un gran figo ma anche stronzo almeno all'inizio dopo aver appena sposato Daisy ma piano piano che sta assieme a lei migliora e mi è piaciuto quando non si è arreso arrivando a tutto pur di farsi perdonare per aver rifiutato il bambino e averle dimostrato di amarla. Non ho capito se lui era davvero un discendente dei Romanov.
Sheba mi è piaciuta alla fine, ma non più di tanto, solo per la stratagemma architettato per far capire a Daisy che Alex l'amava veramente.
Il padre di Daisy l'ho odiato perchè pensava solo alle discendenze russe fregandosene della figlia.
In conclusione mi è piaciuto da matti, bella anche l'ambientazione circense.


VOTO
5/5

Nessun commento:

Posta un commento