sabato 12 marzo 2016

Recensione: "Niente di speciale" di A. E. Via

Titolo: Niente di speciale
Autore: A. E. Via
Edizione: Via Star Wings Books
Data di uscita: 09/03/2016
Pagine: 344
Prezzo: 5,80€
Formato: E-Book

Trama: Il detective Cashel “God” Godfrey è enorme, tatuato e perennemente arrabbiato, tanto che di norma la gente lo tiene a distanza. Nessuno vuole essere il partner di quella bestia alta quasi due metri, che ha un’incapacità cronica a fidarsi degli altri. Quando Cash osserva gli agenti appena usciti dall’Accademia, presenti nella sala riunioni, di certo non si aspetta di incontrare un paio di sexy occhi nocciola che lo fissano. Occhi del bellissimo detective Leonidis “Leo” Day.
Leo è affascinate, spiritoso, esilarante, sarcastico ed è l’unico che riesce a far sorridere Cash. È gay dichiarato ed è un detective di tutto rispetto.
Insieme, Cash e Leo diventano i detective della narcotici più venerati e di successo che Atalanta abbia mai avuto. Sono in grado di comunicare e di capirsi l’un l’altro senza dire una parola e molto in fretta si ritroveranno a fare carriera. 
Quando Cash salva la vita di Leo durante una retata molto pericolosa, Leo inizia a vedere qualcosa in quell’uomo grande e grosso che nessun altro vede… qualcosa di speciale. La paura più grande di Leo è quella di non riuscire ad abbattere il muro impenetrabile che Cash ha innalzato attorno al suo cuore.

RECENSIONE: (SPOILER)
La trama mi intrigava tantissimo e dopo la lettura non sono rimasta delusa.
Day mi è piaciuto perchè ha sempre sostenuto God e non lo ha mai abbandonato neanche quando faceva lo stronzo totale.
God mi è piaciuto perchè amava Day e non lo nascondeva. Mi è spiaciuto per le violenze subite dal patrigno e dell'allontanamento della famiglia, ma per fortuna una volta che la madre e il fratello hanno scoperto la verità hanno cercato di farsi perdonare per il loro comportamento.
Quello che non ho gradito, ma non che non mi spia piaciuto ma solo perchè non è il mio genere, è la "relazione" che God e Day sostengono con Johnson e Ronowski, questo giocare tra coppie non mi intriga.
In conclusione mi è piaciuto tantissimo e non vedo l'ora di leggere il seguito, perchè alla fine del libro c'è un'anticipazione del prossimo capitolo che mi ha intrigato da morire.


VOTO
5/5

Nessun commento:

Posta un commento