mercoledì 26 ottobre 2016

Recensione: "L'equilibrista" di Mary Calmes

Titolo: L'equilibrista
Autore: Mary Calmes
Edizione: Dreamspinner Press
Data di uscita: 26/07/2016
Pagine: 227
Prezzo: 6,99$
Formato: E-Book

Trama: Il quarantacinquenne professore d’inglese Nathan Qells sa come far sentire importanti tutti quelli che lo incontrano. Gli riesce meno bene, però, rimanere nei paraggi dopo. È una brava persona, ma non percepisce le cose come fanno gli altri. Ha passato molto tempo a prendersi cura di Michael, il ragazzo che abita alla porta accanto, senza rendersi conto che il mafioso e muscoloso zio e tutore di Michael, Andreo Fiore, si è lentamente innamorato di lui.
Fare in modo che Nate lo veda come un potenziale partner è forse il problema minore di Dreo. Sta crescendo il nipote e sta cercando di lasciare il suo losco lavoro e aprire un’attività in proprio, un progetto che si complica infinitamente quando dei sicari eliminano alcuni personaggi chiave della malavita. Eppure, Dreo è determinato a costruire una vita di cui andare fiero, una vita con Nate come fondamento, una vita che sta cominciando ad assomigliare esattamente a ciò che Nate sta cercando. Sfortunatamente per Dreo – e per Nate – i recenti omicidi fanno parte di una profonda riorganizzazione, e l’amore di Dreo ha trasformato Nate in un bersaglio.

RECENSIONE: (SPOILER)
Dalla trama ero rimasta intrigatissima e benchè un po' diverso da come me lo aspettavo non mi ha deluso.
Nate mi è piaciuto perchè si prodigava per gli altri oltre che l'affetto che dimostrava con Michael trattandolo come un figlio. Mi è piaciuto che alla fine si sia lasciato andare con Andreo.
Andreo mi è piaciuto perchè non si è mai arreso con Nate e una volta deciso di lasciare il suo lavoro per la mafia è andato avanti finchè non ci è riuscito.
Quello che non mi è piaciuto molto è la mancanza di punti di vista di Andreo.
In conclusione mi è piaciuto tantissimo.

VOTO
4/5

Nessun commento:

Posta un commento